Articoli Commenti

Rieti Virtuosa » Comunicati Stampa, Giornalino » Interruzione di Pubblico Servizio in Provincia di Rieti

Interruzione di Pubblico Servizio in Provincia di Rieti

Al Prefetto di Rieti Dott. Valter Crudo

Illustrissimo Prefetto,
poco più di un mese prima del 24 agosto ci eravamo lasciati con il suo impegno di continuare a seguire la vicenda legata allo svuotamento della Provincia di Rieti e delle sue ricadute negative sul territorio. In tale occasione Le veniva rappresentato anche un possibile configurarsi di interruzione di pubblico servizio, tanto da ritenere Lei stesso utile un confronto con il Presidente della Provincia Rinaldi e l’Assessore Regionale agli Enti Locali Refrigeri. Qualche giorno dopo, chiedendo la pronuncia delle forze politiche e sociali, chiudevamo l’appello con “Intendiamo svegliarci solo quando si verificherà qualche emergenza seria?
Oggi che, come temevamo, molti genitori e studenti stanno purtroppo subendo sulla loro pelle le conseguenze di quanto da noi più volte denunciato (su tutto i ritardi inaccettabili nell’avvio dei cantieri di messa in sicurezza degli edifici scolastici ad altro rischio sismico) ci auguriamo che la S.V. voglia intervenire urgentemente per fare chiarezza e porre rimedio a questa pericolosa situazione di inadempienza delle istituzioni Provinciale e Regionale.

Infatti, com’è noto, il lavoro in Provincia svolto fino al 2015 da 5 Dirigenti ora è svolto da un solo Dirigente al 50% con l’ATO3, peraltro avente rinunciato all’incarico stesso. I risultati sono sotto gli occhi di tutti, pesantemente aggravati dall’emergenza terremoto, tanto che la Regione è dovuta correre ai ripari distaccando molti dei 94 dipendenti del comparto che erano transitati impropriamente in Regione, cioè dandoli in prestito dalla Provincia ma pagati dalla Regione stessa con probabili aggravi per la spesa pubblica.
Se andiamo poi a vedere quali sono le reali assegnazioni dei 5 Dirigenti in Regione, emerge che questi non hanno quasi per nulla seguito le funzioni che la Provincia avrebbe teoricamente perso in favore della Regione, ma sono stati adibiti ad altre mansioni non corrispondenti a quanto stabilito dalla DGR 56/2016 per mantenere quasi tutti la postazione di lavoro a Rieti.

rv_provincia_tabella1 rv_provincia_tabella2

Cioè dopo il danno la beffa, per i danni e la perdita di servizi al cittadino e alle imprese e per esserci ritrovati tutti questi Dirigenti a svolgere funzioni quasi irrilevanti sempre a carico dei contribuenti. Nel qual mentre i dipendenti transitati nelle Agenzie Regionali (ARSIAL e ARPA), non potendo ad oggi ottenere analogo distacco, sono impossibilitati a riprendere le funzioni fondamentali che prima svolgevano presso le Province da cui sono stati inopportunamente sottratti.

Come avevamo già sottolineato, quanto accaduto nel Lazio ed in particolare a Rieti è un fatto unico in Italia, che non rispetta la Legge Del Rio (che continuerebbe a valere in caso di vittoria del No) e che in caso di vittoria del Sì lascerebbe ancora incustodite chissà per quanto le funzioni fondamentali (Art.1, comma 51 della Legge Del Rio: “In attesa della riforma del titolo V della parte seconda della Costituzione e delle relative norme di attuazione, le province sono disciplinate dalla presente legge”).

La Provincia di Rieti, nel suo “Piano di riassetto organizzativo, economico, finanziario e patrimoniale della Provincia di Rieti” approvato ad aprile dal Consiglio Provinciale in attuazione (maldestra) della Legge Del Rio, stigmatizzava il comportamento di Stato e Regione: “…tanto lo Stato quanto le Regioni [..] hanno agito senza la promozione di una governance per la costruzione del nuovo ente di area vasta, forse attendendo gli esiti del referendum costituzionale”. Non si capisce allora perché la Provincia stessa non abbia atteso il Sì e le “relative norme attuative”, abbandonando anche ciò di cui nel frattempo la legge, ed i cittadini, le affidavano la “governance”, tra cui: tutela ambientale, gestione strade provinciali, gestione dell’edilizia scolastica.

Distinti saluti

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Rieti Virtuosa con almeno 1 €
Inserisci l'importo » € e
oppure sostieni il cambiamento con un bonifico

Archiviato sotto: Comunicati Stampa, Giornalino · Tags: , ,

I commenti sono chiusi.