Articoli Commenti

Rieti Virtuosa » Ambiente ed Ecologia, Comunicati Stampa » Dopo aver avallato l’accordo che regala l’acqua del Peschiera ad ACEA, Petrangeli sembra volergli fare un altro regalo acquistando senza motivo le quote private di SOGEA

Dopo aver avallato l’accordo che regala l’acqua del Peschiera ad ACEA, Petrangeli sembra volergli fare un altro regalo acquistando senza motivo le quote private di SOGEA

fontana-acquaDopo aver avallato l’accordo che regala l’acqua del Peschiera ad ACEA S.p.a. e dopo aver continuato ad affidare per quasi 5 anni a SOGEA S.p.a. il servizio idrico senza un contratto valido, da notizie di stampa Petrangeli sembra voler fare un altro regalo alla multiutility romana acquisendo senza motivo le quote private di SOGEA S.p.a..

Probabilmente i costi di questa improvvida acquisizione verranno caricati sulla nuova società Acqua Pubblica Sabina (APS) S.p.a., futuro gestore unico del servizio idrico integrato nell’ATO3 e sostanzialmente controllata da Comune e Provincia di Rieti con il 22,8% di capitale sociale ciascuno.

Il fatto, se confermato, sarebbe gravissimo perché si utilizzerebbero soldi pubblici per fare un’operazione societaria non obbligata da alcuna norma.

La legge di riferimento (art. 172 del D.Lgs. 152/2006) prevede infatti un mero <<subentro>>, da parte del <<gestore unico>>, ai <<soggetti operanti all’interno del medesimo ambito territoriale>>, tra i quali c’è ovviamente anche SOGEA. Tale subentro sarebbe peraltro dovuto avvenire alla scadenza di contratto con il Comune di Rieti, ma visto che il rapporto tra SOGEA e Comune capoluogo è regolato da convenzioni, non si comprende perché si debba aspettare il 31 dicembre 2017, contravvenendo ad un obbligo di legge.

Non vi sarebbe alcuna necessità, dunque, di acquisizioni societarie né tanto meno di <<convenzioni>> con APS S.p.a. la quale, semmai, dovrebbe essere trasformata in Ente di diritto pubblico per regolarizzare l’affidamento diretto da parte dei Comuni ATO3 nel rispetto del Trattato Europeo e in generale delle norme sugli appalti di servizi.

Inoltre, ai sensi del successivo art. 173, <<il personale che appartenga alle amministrazioni comunali, alle aziende ex municipalizzate o consortili e alle imprese private, anche cooperative, che operano nel settore dei servizi idrici sarà soggetto al passaggio diretto e immediato al nuovo gestore, con la salvaguardia delle condizioni contrattuali in atto>>.

Ci auguriamo quindi che i Sindacati, a garanzia dei diritti dei lavoratori, pretendano dalla Segreteria Tecnico Operativa dell’ATO3 l’immediato rispetto di tutte le condizioni di subentro, visto che la norma prevedeva delle scadenze ben precise che sembrerebbero già ampiamente superate con ulteriore rischio di ripercussione sulle future tariffe idriche che dovranno pagare i cittadini, senza peraltro che sia ancora arrivato un euro per la famosa interferenza d’ambito.

Nel frattempo pretendiamo che il Sindaco Petrangeli e i consiglieri d’amministrazione di Sogea S.p.a. Marchioni e Battisti riferiscano apertamente e compiutamente, non solo nelle Commissioni competenti, su quanto sta avvenendo segretamente negli incontri con il management di ACEA S.p.a..

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Rieti Virtuosa con almeno 1 €
Inserisci l'importo » € e
oppure sostieni il cambiamento con un bonifico

Archiviato sotto: Ambiente ed Ecologia, Comunicati Stampa · Tags: , , , ,

I commenti sono chiusi.