Articoli Commenti

Rieti Virtuosa » Comunicati Stampa » Provincia svuotata: perché aspettare l’emergenza?

Provincia svuotata: perché aspettare l’emergenza?

Provincia svuotata a causa di accordi sindacali disattesi? Chi è il responsabile? Se è vero, come denunciato dalla Uil Fp, che l’accordo sindacale che ha definito il passaggio di dirigenti e dipendenti dalla Provincia di Rieti alla Regione lasciando svuotata la prima, sarebbe stato disatteso, e di questo, la stessa Uil chiede a quel “qualcuno” di “assumersi le sue responsabilità”, come mai nessuno oltre Rieti Virtuosa e la Uil intervengono?

IMG_20141121_164247Cosa ne pensano Cgil e Cisl? E’ possibile conoscere quali sono le risultanze dell’Osservatorio regionale nell’ambito del quale è stato stipulato questo accordo?

Come mai, nonostante l’interessamento del Prefetto, continua ad esserci il silenzio assoluto del presidente della Provincia Rinaldi, che stranamente non ha ancora diffuso il comunicato stampa che aveva anticipato allo stesso Prefetto?

E che dire del silenzio delle opposizioni di destra, del Comune di Rieti (l’Ente locale maggiormente penalizzato), delle associazioni di categoria che rappresentano le imprese e gli ordini professionali che per primi hanno potuto constatare i forti disagi causati da una Provincia che non riesce più a far fronte alle proprie funzioni fondamentali? Pensate che una qualsiasi impresa troverebbe attrattivo un territorio in cui mancano all’appello istituzioni che dovrebbero rilasciare autorizzazioni e pareri fondamentali per operare? Per non parlare delle ripercussioni ambientali e sulla salute pubblica che tutto ciò comporta, nonché dei rischi per la sicurezza degli studenti con Dirigenti scolastici lasciati senza interlocutori per quanto riguarda l’edilizia scolastica.

Come è possibile che questo territorio continui ad avere paura di esistere? Intendiamo svegliarci solo quando si verificherà qualche emergenza seria?

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Rieti Virtuosa con almeno 1 €
Inserisci l'importo » € e
oppure sostieni il cambiamento con un bonifico

Archiviato sotto: Comunicati Stampa · Tags: ,

I commenti sono chiusi.