Articoli Commenti

Rieti Virtuosa » Giornalino, Sociale, Accoglienza e Salute » Un altro mondo è possibile!

Un altro mondo è possibile!

di Roberta Manca (Estratto da Un pediatra per amico n°6/2011 “Miracolo a Trieste” di Paola Palleschi)

L’altro giorno leggendo una rivista mi sono imbattuta in un articolo che titolava: “Miracolo a Trieste” la rubrica che ospitava l’articolo si chiama “Un mondo possibile”. Devo dire che ho pensato proprio ad un miracolo scoprendo che a Trieste da oltre 100 anni esistono delle strutture chiamate “Ricreatori comunali”; sono luoghi educativi pubblici, laici e gratuiti istituiti come supporto all’attività formativa della scuola.

I Ricreatori (tredici distribuiti sul territorio comunale) ospitano bambini e ragazzi dai 5 ai 18 anni, all’interno di essi si gioca, si fa sport di squadra, si suona si fa teatro, si partecipa ad escursioni all’aperto. L’orario è dalle 14,30 fino alla sera, dal lunedì al sabato durante il periodo scolastico, mentre d’estate il Ricrestate è attivo dalle 8,30 fino al tardo pomeriggio. I Ricreatori offrono anche un servizio d’integrazione scolastica, ovvero l’assistenza nello svolgimento dei compiti in collaborazione con le scuole di zona.

In ogni struttura è impegnata un’équipe composta da un coordinatore pedagogico, educatori e personale ausiliario. Nelle strutture possono essere presenti anche operatori appartenenti a cooperative cui sono affidati i servizi di pulizia accoglienza e mensa. Il costo del servizio è di 12 euro per ogni iscritto, sia in inverno che in estate (le famiglie con reddito minimo sono esentate dal pagamento). L’amministrazione comunale cura la formazione e l’aggiornamento del personale, assunto attraverso concorso pubblico per titoli.

Dal 2004 in aggiunta ai Ricreatori, per i ragazzi fino a 25 anni, sono stati istituiti dei Poli di Aggregazione Giovanile, che sono dei veri e propri laboratori d’incontro che si ispirano ai principi contenuti nella “”Carta europea della partecipazione dei giovani alla vita locale e regionale” del 2003. I ragazzi possono seguire dei progetti come Artefatto: allestimento annuale di una mostra d’arte in cui i ragazzi hanno ruolo attivo in tutte le fasi gestionali e organizzative; o Ricrerock che consente ai giovani musicisti la possibilità di fare stages, incontri con musicisti noti e la possibilità di fare concerti. A Trieste i Ricreatori sono stati e continuano ad essere un punto di riferimento per generazioni intere, fondamentali nella tenuta della rete civica e comunitaria della città. Non sono luoghi d’intrattenimentoa basso costo ma spazi votati all’accoglienza ed alla socialità, luoghi in cui si sta bene.

Chissà forse un altro mondo è davvero possibile basta volerlo!

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Rieti Virtuosa con almeno 1 €
Inserisci l'importo » € e
oppure sostieni il cambiamento con un bonifico

Archiviato sotto: Giornalino, Sociale, Accoglienza e Salute · Tags: , , , , , , , , , , ,

I commenti sono chiusi.