Articoli Commenti

Rieti Virtuosa » Comunicati Stampa » Le conseguenze del cemento

Le conseguenze del cemento

Rieti, 22 novembre 2011

Sarà presentato venerdì 25 novembre a partire dalle ore 16 all’Art Café di via Garibaldi 276 di Rieti nel corso di un incontro pubblico organizzato dal Movimento Civico Rieti Virtuosa il libro “Le conseguenze del cemento” alla presenza dell’autore, Luca Martinelli, accendendo il dibattito su una delle questioni fondamentali per determinare il futuro della città di Rieti: l’urbanistica.

Palazzi, svincoli, centri commerciali, cave. Chi fa affari col cemento fa infatti pagare i costi ai cittadini, chiamando tutto questo “sviluppo”. Eppure ci sono altre strade per promuovere il benessere di una popolazione e delle realtà economiche che sono insediate in un territorio. Ad esempio quella seguita dal Comune di Cassinetta di Lugagnano, in provincia di Milano, il primo Comune in Italia ad aver approvato un piano regolatore che esclude la possibilità di edificare occupando nuove superfici. Il suo giovane sindaco, Domenico Finiguerra, consapevole che ogni anno in Italia si perde una quantità di suolo pari a 240.000 campi da calcio, ha dato il via al movimento “Stop al consumo di territorio” ed è riuscito a trasformare un piccolo e sconosciuto Comune in un concreto esempio di riferimento per l’intero Paese. A seguire diverse amministrazioni intraprendenti hanno dimostrato di saper passare dal pensiero globale all’azione locale, non solo adottando misure innovatrici in campo ambientale, ma provando anche a immaginare modi nuovi, creativi ed efficaci per migliorare la vita della comunità, senza consumare risorse ma anzi preservandole per le generazioni future.

Ecco dunque che nasce l’Associazione dei Comuni Virtuosi a proporre modelli per molte altre realtà locali: dal recupero del patrimonio edilizio esistente alla valorizzazione del paesaggio, dalla ripubblicizzazione dei servizi alla valorizzazione del patrimonio artistico come fonti di guadagno alternative all’urbanizzazione estensiva, Cassinetta e gli altri Comuni stanno indicando la strada da seguire per frenare il processo autodistruttivo cui in Italia si assiste da decenni e per diffondere tra amministratori e cittadini la consapevolezza che la cosa pubblica è preziosa e va gestita in modo nuovo.

Un modo non solo responsabile, ma virtuoso, solidale, ecosostenibile, capace di pensare in grande e agire in piccolo.

Nella straordinaria inchiesta condotta in tre anni di lavoro da Luca Martinelli, giornalista e redattore del mensile Altreconomia, autore del saggio “L’acqua non è una merce” (Altreconomia, alla seconda edizione) e di “Imbrocchiamola!” (Altreconomia, alla quarta edizione), viene tracciato il quadro del saccheggio al panorama italiano, spiegandone le motivazioni, svelando gli interessi in gioco, individuando le responsabilità, nome per nome.

Un’occasione per il Movimento Civico Rieti Virtuosa per fotografare la situazione attuale a Rieti e per lanciare il primo progetto di urbanistica partecipata “Vesti la tua città”. Modererà il dibattito  Federico Cavalli.

Ulteriori informazioni possono essere richieste via email a rietivirtuosa@gmail.com oppure sul profilo e sul gruppo Facebook di Rieti Virtuosa.

Il Movimento Civico Rieti Virtuosa
Email: rietivirtuosa@gmail.com
Rieti Virtuosa è anche su Facebook

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Rieti Virtuosa con almeno 1 €
Inserisci l'importo » € e
oppure sostieni il cambiamento con un bonifico

Archiviato sotto: Comunicati Stampa · Tags: , , , , , , , ,

Una risposta a "Le conseguenze del cemento"